LEZIONI DI STORIA: Le Cortigiane, che cosa sono?

Andare in basso

LEZIONI DI STORIA: Le Cortigiane, che cosa sono?

Messaggio Da Iride il Ven Set 15, 2017 11:17 pm

Wikipedia ha scritto:La Cortigiana era in origine una gentildonna che faceva parte di una corte, ma la sua figura ha risentito in modo molto più pesante dell'ambiguità di natura sessuale.
Nel Rinascimento il significato del termine passò poco per volta ad indicare l'amante del signore della corte, una "donna colta e indipendente, di costumi liberi", fino a una prostituta di professione nelle corti.
La società rinascimentale di Venezia riconosceva due diversi tipi di cortigiane: la cortigiana di lume, una cortigiana dei ceti bassi simile alle moderne comuni prostitute, e la cortigiana onesta, spesso donna estremamente colta, artista e letterata, i cui rapporti con gli uomini andavano ben oltre il rapporto sessuale e che può essere in parte paragonabile alla figura greca dell'etera* e a quella giapponese dell'oiran**.

LINK: Cortigiane e Cortigiani nella Letteratura Paragrafo: Storia

*Etére: erano particolari donne di compagnia, per alcuni aspetti assimilabili a cortigiane e prostitute. Si trattava, tuttavia, di sofisticate figure che, oltre a prestazioni sessuali, offrivano compagnia e spesso intrattenevano con i clienti relazioni prolungate.
Per lo più si trattava di ex-schiave provenienti da altre città, rispetto a quelle in cui in seguito si trovavano a risiedere, erano famose per le loro spiccate capacità nell'arte, dalla danza alla musica, così come per i loro talenti sia fisici sia intellettuali. A differenza della maggior parte delle altre donne delle polis greche, le etere avevano ricevuto o si erano procurate un'educazione ed erano quindi assai colte. Erano infine l'unica classe di donne nella Grecia antica con un accesso e un controllo indipendente a considerevoli quantità di denaro

LINK:Etera

**Oiran: Nella storia e nella cultura giapponese le oiran (花魁) sono figure assimilabili a cortigiane e sono considerate yūjo (遊女), ovvero "donne di piacere" o prostitute, anche se la loro condizione sociale si distingue da quella delle ordinarie yūjo: le oiran erano infatti intrattenitrici più che prostitute e alcune di loro ebbero tanto successo da diventare delle celebrità anche fuori dei quartieri del piacere.
La loro arte le conduceva accanto a uomini di potere e il loro modo di vestire era spesso all'origine di mode e tendenze, motivo per cui alcuni aspetti della loro tradizione sopravvivono ancora nel Giappone del XX e XXI secolo.
Le oiran cominciarono a prestare servizio durante il Periodo Edo (1600-1868). A quell'epoca i bordelli erano confinati nelle campagne per via delle restrizioni imposte dalla legge e nelle maggiori città si diffusero i cosiddetti "quartieri del piacere", luoghi dove era offerto qualunque tipo di intrattenimento: tra i più conosciuti, il quartiere Shimabara a Kyoto, Shinmachi a Osaka, Yoshiwara a Edo (attuale Tokyo). Nei quartieri di piacere, il grado di cortigiana non indicava nulla e si veniva valutati solo per le proprie doti e per la propria bellezza. Tra le oiran la tayū (太夫?) erano considerate le migliori ed erano anche selezionate accuratamente per compiacere il daimyo e soltanto i più ricchi e potenti potevano permettersi di possedere una oiran. Per intrattenere i loro clienti le oiran praticavano danza, musica, poesia, calligrafia ed era fondamentale essere eruditi per poter discutere con loro.
L'isolamento delle oiran le rese poco a poco sempre più idolatrate e lontane dalla società. L'etichetta morale del governo richiedeva un comportamento appropriato e le discussioni delle oiran erano assai più colte se paragonate a quelle delle persone comuni.

LINK: Oiran




Blog Biblioteca Romantica ha scritto:[...]Sembra infatti che il termine 'cortigiana' risalga al 1540 ed è chiaro che derivi dalla parola 'corte'. Era infatti alla corte di qualche signore del Rinascimento che le cortigiane vivevano, concedendo i loro favori non solo al signore del castello ma anche ai ricchi nobili che lo frequentavano. Le cortigiane erano quindi spesso donne affascinanti , eleganti e ben istruite, che sapevano parlare diverse lingue ed erano avvezze alle buone conversazioni e ai codici di comportamento dell'alta società. Da un certo punto di vista esse erano l'equivalente occidentale delle geishe giapponesi : donne certamente più affascinanti rispetto alle comuni prostitute, che vendevano le loro grazie al miglior offerente del quale diventavano spesso le amanti fisse, facendosi regalare case, vestiti e gioielli in cambio di prestazioni sessuali ma soprattutto di compagnia.
Non sempre l'amante di turno era l'unico favorito ed era piuttosto usuale per queste donne avere più di un amante. Inoltre, le cortigiane uscivano spesso in società in compagnia dei loro protettori, accompagnandoli nelle funzioni sociali e arrivando, a volte, a prendere il posto delle loro legittime consorti.[...]A differenza delle prostitute di basso rango, le cosiddette 'cortigiane oneste'' potevano vantare uno stile di vita altolocato e avevano cultura e buone maniere.
Esse venivano mantenute da uno o più ricchi protettori, solitamente uomini dell'alta società, e godevano di grande indipendenza e libertà di spostamento. Sapevano come comportarsi in società, fare buona conversazione e a volte erano molto colte e dotate di talento letterario.

Grazie agli splendidi regali ricevuti dai loro clienti , le cosiddette 'prostitute oneste' potevano permettersi spesso case calde ed eleganti e a volte erano anche proprietarie di interi palazzi e vivevano nel lusso, organizzando, come principesse, feste ed intrattenimenti giornalieri.

Il mestiere della cortigiana era tanto redditizio che c'erano madri disposte a pagare molti soldi per l'educazione delle figlie, nella speranza di vederle entrare nelle grazie di qualche nobile.

Le "cortigiane oneste" spendevano molto tempo nella cura del loro corpo (in questo non erano molto diverse dalle signore dell'alta società). Secondo alcuni scrittori dell'epoca le cortigiane spesso vestivano persino meglio delle nobili e a volte il loro abbigliamento era tanto simile a quello di quest'ultime che era difficile poter distinguere a occhio nudo le une dalle altre.
[...]La "giornata di lavoro" delle cortigiane iniziava con una passeggiata in compagnia dei loro amanti, i quali facevano alle loro belle innumerevoli doni. Il divertimento continuava poi nelle case delle stesse cortigiane , spesso trasformate in popolari salotti di ricevimento, in cui si raccoglieva l'elite cittadina.
I salotti di famose cortigiane come Imperia,Clarice detta Matrema-non-vuole, Tullia d’Aragona, Gaspara Stampa e Veronica Franco erano frequentati da artisti e poeti di fama, membri dell'autorità locale e nobili stranieri. Ad eccezione dei nobili forestieri , che erano invitati in speciali budoir, tutti gli altri si radunavano in sale comuni. Per pungolare la gelosia dei loro amanti, a volte le cortigiane si ritiravano per un po' di tempo nella loro stanza da letto con uno dei loro ospiti. Nei salotti di livello più alto si conversava di letteratura, poesia e arte. Imperia leggeva libri in latino e componeva versi.
Matrema-non-vuole era così abile nell'arte della conversazione da essere paragonata a Cicerone e conosceva tutto Petrarca e Boccaccio e molti versi latini a memoria.
Gaspara Stampa e Veronica Franco erano considerate poetesse di talento.
Diversi frequentatori di questi salotti erano insigni letterati dell'epoca che lasciarono diverse menzioni sulle cortigiane nelle loro opere.

LINK: BLOG BIBLIOTECA ROMANTICA




Venezia.net ha scritto:

[...]DUE CATEGORIE DI CORTIGIANE

C'erano due categorie di cortigiane: quelle di basso rango che vivevano in casa malsane e che erano frequentate dal popolino e quelle d'alto rango. Queste cortigiane erano invidiate soprattutto dalle nobildonne, schiave di mille regole, per la libertà che esse godevano e per le importanti amicizie che potevano assicurarsi.

LINK: www.venezia.net
avatar
Iride
Admin

Messaggi : 21
Data d'iscrizione : 15.09.17
Età : 27

Visualizza il profilo http://corte-di-circe-rrgdr.elencoforum.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum